Login / Registrazione
Venerdì 30 Settembre 2016, San Girolamo
follow us! @travelitalia

Palazzo del Comune

Macerata / Italia
Vota Palazzo del Comune!
attualmente: 06.00/10 su 1 voti
E’ uno dei più importanti edifici di Piazza della Libertà. La costruzione è del Seicento, realizzata in cotto con un portico in basso ed una balconata nella parte superiore: il primo architetto fu Antonio Ossuccio (1603), seguito da Lorenzo Gavagni. Nel Settecento, il pericolo di crolli richiese l’intervento di altri valenti architetti fra cui Luigi Vanvitelli, ma i lavori non ebbero grande seguito fino al XIX secolo, quando fu scelto il progetto dell’ingegnere comunale Salvatore Innocenzi: a lui si deve la facciata in stile neoclassico con cotto e pietra d’Istria, del 1820. Androne e cortile ospitano reperti archeologici provenienti dalla zona: si tratta di materiale eterogeneo, con datazioni variabili fra il III secolo a.C. ed il XVI secolo, fra cui l’iscrizione che riporta l’aumento della popolazione di Helvia Ricina da parte dell’imperatore Settimio Severo Pertinace Augusto ed alcune statue alquanto mutile.
All’interno del palazzo, si segnalano la Sala della Vittoria (aula consiliare) ricavata intorno al 1927 dall’antica sala consiliare. Sul soffitto intagliato e dorato si ha al centro una Vittoria, dipinta nel l918 da Emilio Lazzaro. Soffitto e mobili hanno un’intonazione liberty. Recente è la sistemazione della Sala della Giunta, dove è presente un caminetto settecentesco ed un altro del. secolo scorso. Molto interessante il Gabinetto del Sindaco in cui la scrivania e il grande armadio-libreria provengono da una donazione fatta da Massimo d’Azeglio ai Ricci, suoi parenti. Sembra che il patriota-scrlttore, che si dilettava di falegnameria, abbia costruito personalmente i due mobili. Più avanti, sul pavimento lungo il Corridoio della Segreteria, protetta da un vetro, si ammira una “meridiana” che fino agli ultimi anni dell’Ottocento indicava agli uscieri l'ora del mezzogiorno per il suono del campanone civico. E' opera di alto pregio, realizzata nel 1820 da Ludovico Cìccolini.
Condividi "Palazzo del Comune" su facebook o altri social media!