Login / Registrazione
Venerdì 30 Settembre 2016, San Girolamo
follow us! @travelitalia

Chiesa di San Filippo

Macerata / Italia
Vota Chiesa di San Filippo!
attualmente: 05.50/10 su 4 voti
La Chiesa di San Filippo, che prospetta su Corso della Repubblica, fu costruita fra il 1705 e il 1730, su disegno dell’architetto romano Giovanni Battista Contini. Nel 1718 fu aperto alle funzioni anche l'Oratorio, mentre nel 1742 fu terminato il Convento, oggi sede della Provincia.
L'edificio religioso - attualmente oggetto di ampio restauro - s’identifica nel suo perfetto inserimento urbanistico data la sua forma a Cuneo facilitata dalla pianta centrale ellittica; presenta una facciata non finita dall'aspetto severo, coronata da due campanili con cupole bulbate. Il corpo ellittico centrale si separa dall’ingresso e dall’area presbiterale attraverso due vani simmetrici voltati a botte, di cui quello prospiciente l’abside fornisce diretto accesso alla sacrestia. La chiesa richiama le forme architettoniche della chiesa berniniana di Santa Maria di Montesanto a Roma. Di notevole pregio artistico è la cupola lunettata, ritmata da finestrature stuccate e impreziosita da un lanternino, realizzato nel 1732.
Tra gli apparati decorativi, spiccano la Natività della Vergine attribuita a Girolamo Donnini; la pala di Marco Benefial (1684-1764) con la Madonna col Bambino e i SS. Giuseppe e Antonio, datata 1755; la Crocifissione (1737) del marchigiano Francesco Mancini (1679-1758), artista che eseguì anche la pala dell’altare Maggiore con la Madonna col Bambino e San Filippo in gloria; la tela con la Madonna e San Gaetano da Thiene che adora il Bambino, di Ludovico Trasi (1634). L'altare maggiore in marmo fu realizzato dal trevigiano Bonessi tra il 1764 e il 1770. Pregevoli opere d’intaglio del maceratese Silvestro Fioravanti sono gli armadi collocati nel vano d’ingresso alla sacrestia e i confessionali disposti simmetricamente nel vano centrale ellittico.
Condividi "Chiesa di San Filippo" su facebook o altri social media!