Login / Registrazione
Lunedì 5 Dicembre 2016, San Saba
follow us! @travelitalia

Teatro Goldoni

Livorno / Italia
Vota Teatro Goldoni!
attualmente: 07.00/10 su 2 voti
Gli impresari Francesco e Alessandro Caporali nel 1842 presero ufficialmente la decisione di "erigere un nuovo e straordinario Teatro". La realizzazione fu affidata al giovane architetto Giuseppe Cappellini, coadiuvato dal capomastro Benedetto Malfanti; esecutori degli interni furono i fratelli Giacomo e Giovanni Medici di Milano, autori degli ornati, Pietro Bernardini, esecutore di stucchi e scagliola, e il marmista Ceccardo Ravenna. I lavori durarono quattro anni: dal 1843 al 1847. Il Teatro fu denominato "Imperiale e Regio Teatro Leopoldo" in onore del Granduca Pietro Leopoldo II, e venne inaugurato il 24 luglio 1847, con l'opera Roberto il diavolo di Meyerbeer. Nel 1859 assunse la denominazione di Teatro Caporali; infine, dal 1860, prese il nome di Regio Teatro Goldoni. Nel 1990 fu acquisito al patrimonio comunale.
Dopo il 1890, il Goldoni si inserì sempre più nel substrato cittadino, fino a diventare uno dei luoghi deputati della memoria storica popolare: due personaggi, Pietro Mascagni e Galliano Masini, prima di ogni altro, ne hanno animato la scena, mentre il pittore Renato Natali lo ha immortalato nelle sue tele. Fino al 1940, ha ospitato grandi interpreti, come Gemma Bellincioni, Roberto Stagno, Enrico Caruso, Hipolito Lazaro, Beniamino Gigli e Gina Cigna. L'albo d'oro del dopoguerra reca i nomi di Mario Del Monaco e Franco Corelli, Tito Gobbi ed Ebe Stignani, Maria Caniglia e Leyla Gencer.
Il Goldoni è stato anche testimone di atti politici nazionali, come il Congresso del Partito Socialista nel dicembre-gennaio 1920-1921, dalla cui diaspora nacque poi, sempre a Livorno, il Partito Comunista Italiano.
Condividi "Teatro Goldoni" su facebook o altri social media!