Login / Registrazione
Sabato 1 Ottobre 2016, Santa Teresa di Lisieux di Gesù Bambino
follow us! @travelitalia

Castello Carlo V

Lecce / Italia
Vota Castello Carlo V!
attualmente: 07.71/10 su 7 voti
Alla metà del Cinquecento, l’imperatore Carlo V decise – per il Salento – tutta una serie di opere di difesa. Esse erano intese a contrastare le continue e sanguinose scorrerie dei pirati saraceni e, più in generale, a frenare le mire espansionistiche dell’Impero Ottomano. A Lecce, l’incarico di riprogettare il sistema difensivo – costituito dalle mura e dal castello – fu affidato al geniale architetto militare Gian Giacomo dell’Acaja. In questo quadro, nel 1539 ebbe inizio la costruzione del Castello, poi chiamato di Carlo V. Esso fu eretto sul luogo ove esisteva l’antico maniero, costruito all’epoca del conte Tancredi. I lavori durarono dieci anni.
Ne uscì il Castello vasto e spazioso, come oggi lo vediamo: una grande opera militare, poderosa e imprendibile, a forma di trapezio, con quattro baluardi a punta di lancia: la struttura – formata da due corpi concentrici separati da un cortile – è munita di mura massicce e circondata da un fossato largo e profondo, ed ha due soli ingressi a ponte levatoio. Delle due porte, una è ora murata. Imponenti i bastioni: quello di sud-est misura 180 metri, quello di sud- ovest 150, quello di nord-est 124, quello di nord-ovest 116. Un lungo corridoio sotterraneo, che è alla stessa altezza del piano del fossato colmato nel 1872, girava lungo tutta la cortina e collegava le casematte dei quattro bastioni angolari.
L'interno contiene ancora le opere di difesa precedenti, come il mastio del conte Accardo, e altri ambienti – sia pure ristrutturati – divisi da un corridoio che corre lungo tutto il perimetro delle cortine esterne. I grandi saloni interni sono oggi utilizzati per manifestazioni istituzionali e incontri culturali.
Condividi "Castello Carlo V" su facebook o altri social media!