Mercoledì 22 Agosto 2018, Beata Maria Vergine Regina
follow us! @travelitalia

Agrigento: La Valle dei Templi

04/05/2010
Tempo: 3 ore
Vota questo itinerario!
attualmente: 09.00/10 su 6 voti
Itinerario classico nella Valle dei Templi, patrimonio dell'umanità UNESCO dal 1997 e più grande parco archeologico del mondo.
L'itinerario "Agrigento: La Valle dei Templi" è composto di 9 tappe:
A) Tempio di Giunone
La sua attribuzione a Era Lacinia/Giunone (moglie di Zeus-Giove) è dovuta a un’erronea interpretazione di un brano di un autore latino. Il Tempio sorge – imponente e solitario – in posizione dominante, all'estremità orientale della Collina dei Templi. Eretta tra il 460 e il 450 a.C., la struttura è basata su stilobate a quattro gradini ed è periptero-esastila. L'interno era suddiviso in tre vani: quello centrale (cella o nàos) era preceduto da un atrio di ingresso (prònao) e seguito da un vano posteriore (o...
B) Tempio della Concordia
Il Tempio della Concordia sorge presso quello di Giunone Lacinia ed è il meglio conservato di tutti i templi dorici di Sicilia e d’Italia. Deve il nome a un'iscrizione latina, rinvenuta nelle vicinanze: l’iscrizione porta una dedica alla Concordia degli Agrigentini, ma con il tempio non ha alcuna relazione. La struttura è un doppio periptero, cioè possiede due ordini di colonne: uno interno e l'altro esterno. L’architrave all'intorno e i due frontoni conferiscono al monumento una singolare imponenza, semplice e s...
C) Necropoli
Le necropoli agrigentine più significative si trovano nella zona dei Templi: sono la Necropoli Paleocristiana, la Grotta dei Frangipane, la Necropoli Giambertoni e la Necropoli Sub-divo. Necropoli Paleocristiana. All'estremità ovest dell'area del Tempio della Concordia, nel giardino di Villa Aurea, si trova una parte della necropoli tardo-antica e alto-medievale, in parte ricavata in antiche cisterne, di cui sono ancora conservati numerosi altri esempi. Notevoli due ipogei, uno a ovest dell'ingresso, con le pareti...
D) Tempio di Ercole (Eracle)
Costruito verso il 510 a.C., il Tempio di Eracle/Ercole, il cosiddetto Herakleion, sorge nelle vicinanze di Villa Aurea. E’ uno dei più antichi templi dorici della Sicilia e sicuramente il più antico dei templi agrigentini, anteriore perfino a quello di Giove Polieo, che ornava l’Acropoli. Il Tempio di Eracle/Ercole è famosissimo nella storia agrigentina, per I'imponenza delle sue proporzioni e per le ricchezze che lo adornavano. Fra queste si ricordano la celebre Alcmena dipinta da Zeusi, e la statua in bronzo di E...
E) Tomba di Terone
La Tomba di Terone sorge presso il Tempio di Ercole e i resti della porta IV, detta dai Bizantini Porta Aurea. Essa è tradizionalmente designata come Tomba di Terone perché, per molto tempo, la fantasia popolare ha creduto che vi fosse sepolto il tiranno akragantino del V secolo a.C. o, almeno, il cavallo che lo aveva fatto trionfare nei giochi olimpici del 470 a.C. Ma lo stile della costruzione, soprattutto se confrontato con quello dei vicini templi dorici, denota chiaramente le sue origini ellenistico-romane (d...
F) Tempio di Giove Olimpio
Il tempio dedicato a Zeus-Giove Olimpio (o Olimpico) è da tempo un cumulo di semicolonne, capitelli, triglifi. In passato, fu uno dei templi greci più ammirati e il maggior tempio dorico dell’Occidente (il terzo, dopo l’Artemision di Efeso e il Didymeion di Mileto). E’ l’unico dei templi di Agrigento di cui sappiamo con sicurezza il nome. Esso s’innalza sull’area dell’antica agorà (il foro cittadino), e costituisce un “unicum”, non solo per le proporzioni eccezionali ma anche poiché presenta soluzioni a...
G) Tempio di Castore e Polluce
Nella parte occidentale della Collina dei Templi, si estendeva un’ampia area sacra dedicata al culto di Demetra e Kore/Persefone, divisa in tre terrazzi contigui. Nel terrazzo mediano, presso il Tempio di Zeus/Giove, si trova il tempio tradizionalmente detto dei Dioscuri (Castore e Polluce), di cui è visibile la parziale ricostruzione eseguita nel 1834-1836 dalla Commissione delle antichità della Sicilia. In quest’occasione, lo scultore Villareale e gli architetti fratelli Cavallaro rilevarono la pianta del tempio e...
H) Giardino della Kolymbetra
La Kolymbetra (dal greco, piscina) si trova all'estremità occidentale della Collina dei Templi, all'interno di un taglio naturale che divide l'area del Santuario di Demetra e Kore dal Tempio di Vulcano. E’ il sito della piscina descritta da Diodoro Siculo e da Ateneo come una grande vasca – ampia sette stadi e profonda venti braccia – in cui confluiscono le acque delle fonti, dei ruscelli e degli acquedotti progettati dall’architetto Feace e costruiti con la manodopera dei cartaginesi fatti prigionieri dopo la b...
I) Tempio di Vulcano
Il Tempio di Vulcano sorge su uno sperone di roccia a ovest della Collina dei Templi. La sua tradizionale denominazione è puramente convenzionale, basandosi sull'interpretazione di un brano di un autore latino che colloca in questa zona un “Collis Vulcanius”, forse per la presenza di sorgenti di zolfo. L'edificio dorico risale alla seconda metà del secolo V a.C. ed è preceduto da un sacello arcaico racchiuso dalla cella del tempio classico. Si tratta di un edificio con cella e pronao (metri 13,25 x 6,50), di cui è...

Condividi "Agrigento: La Valle dei Templi" su facebook o altri social media!