Login / Registrazione
Lunedì 23 Ottobre 2017, San Giovanni da Capestrano
follow us! @travelitalia

L'itinerario C del Comune di Verona

29/04/2010
Tempo: 3 ore
Vota questo itinerario!
attualmente: 09.33/10 su 9 voti
Questo itinerario di Verona ti permette di visitare la zona ovest di Verona. Partendo dall'imponente Castelvecchio, dove eventualmente è possibile visitare il Museo Civico di Castelvecchio, si attraversa il Ponte Scaligero (o di Castelvecchio) per arrivare all'Arsenale Franz Josef I. La visita continua nella zona di San Zeno con la Piazza di San Zeno, la Chiesa di San Zeno Maggiore e il suo meraviglioso portale e chiostro, la vicina Chiesa di San Procolo ed infine la Chiesa di San Bernardino.
L'itinerario "L'itinerario C del Comune di Verona" è composto di 7 tappe:
A) Castelvecchio
Cenni storici. Dopo la rivolta capeggiata dal fratellastro Fregnano, Cangrande II non si riteneva più sicuro all'interno della città: a cavallo della cinta delle mura comunali, fece quindi costruire un castello e un ponte sull'Adige. La nuova dimora doveva essere insieme palazzo, fortezza, garanzia di fuga. La costruzione del castello, affidata a Guglielmo Bevilacqua, iniziò intorno al 1354. Cangrande II vi abitò per poco tempo, poiché, il 14 dicembre 1359 fu ucciso a tradimento da alcuni sicari assoldati dal f...
B) Ponte Scaligero (Ponte di Castelvecchio)
Cenni storici Il Ponte Scaligero, chiamato anche Ponte di Castelvecchio, è celebrato dagli storici come "l'opera più audace e mirabile del medioevo in Verona". Portato a termine nell'arco di tre anni, quasi sicuramente tra il 1354 e il 1356, fu costruito per ordine di Cangrande Il, che intendeva così assicurare alla sua nascente fortezza sul fiume un'autonoma via di fuga (o d’accoglienza di soccorsi) verso il Tirolo, dove regnava suo genero Ludovico il Bavaro. Il nome del costruttore è avvolto nel mistero. Un d...
C) Arsenale Franz Josef I
Cenni storici Negli anni 1850-1860 gli Austriaci intrapresero un imponente moto d’adeguamento delle strutture militari cittadine al ruolo ricoperto da Verona, "fortificazione permanente", nella loro organizzazione strategica. Proprio tra queste fondamentali iniziative è da inserire la progettazione e l'edificazione dell'arsenale d’artiglieria intitolato all'imperatore Francesco Giuseppe l. Esso sorse tra il 1854 e il 1861 nella zona della “Campagnola", di fronte a Castelvecchio: destinato ad accogliere la D...
D) Piazza di San Zeno
L'area sulla quale sorgono il complesso della piazza, della chiesa e del monastero zenoniani si sviluppa in destra Adige, poco al di sotto del Chievo e di fronte alla Campagnola. Già in epoca romana, la zona, pur essendo lontana qualche miglio dalla città, doveva essere abbastanza frequentata, perché lambita da una delle più importanti strade che collegavano Verona con le vicine città della pianura padana: la Via Gallica per Brescia e Milano. Quest’arteria usciva dalla città attraverso la porta dei Borsari (c...
E) Chiesa di San Zeno Maggiore
Cenni storici. San Zeno fu l’ottavo vescovo di Verona. La basilica a lui dedicata è uno dei capolavori di tutta l’arte romanica in Italia. Tra i secoli IX e XIII, l’abbazia fu il monastero più ricco e potente di Verona: in essa soggiornarono vari imperatori. La peste del 1630 decimò la comunità monastica, che in pratica si estinse. Il monastero fu soppresso dalla Serenissima nel 1770. Agli inizi dell’ottocento ebbe inizio la devastazione degli edifici dell’ex-abbazia, che furono venduti a privati. Nel 1831 crollò l'...
F) Chiesa di San Procolo
Cenni storici La chiesa di S. Procolo conserva le spoglie del quarto vescovo di Verona. Quasi nulla si conosce della chiesa primitiva, fondata nel V sec. su di una necropoli pagana, lungo la via Gallica: solo nell'846 essa è ricordata nell'elogio funebre dell'Arcidiacono Pacifico, fra le chiese da lui costruite o restaurate. Dopo il terremoto del 1117 l'edificio fu oggetto di un completo rifacimento e dotato di una più ampia cripta. A queste strutture romaniche, lungo i secoli si aggiunsero numerosi interventi c...
G) Chiesa di San Bernardino
Cenni storici La chiesa francescana di San Bernardino, e l’annesso convento, è una costruzione gotico-rinascimentale con elementi barocchi, eretta nel secolo XV, poco dopo la morte di San Bernardino da Siena, il quale, nel 1422, aveva lungamente predicato a Verona. Architettura ed arte Esterno. La Chiesa è preceduta da un Chiostro a semplici colonne di marmo rosso, nel quale si trovano varie sepolture e sigilli lapidari. Tracce di logori affreschi figurano presso la porta d’accesso al Convento. Nulla d’i...

Condividi "L'itinerario C del Comune di Verona" su facebook o altri social media!