Login / Registrazione
Giovedì 8 Dicembre 2016, Immacolata concezione
follow us! @travelitalia

Palazzo Jadopi

Isernia / Italia
Vota Palazzo Jadopi!
attualmente: 06.00/10 su 1 voti
Si affaccia su Piazza Carducci, ed è uno dei più interessanti palazzi della città. Costruito nel Settecento, fu teatro di un evento assai particolare, tra quelli che popolano il Risorgimento. Nel 1860 Stefano Jadopi, parlamentare napoletano del regno borbonico, si dimise per far parte del comitato di accoglienza di Vittorio Emanuele. Gli oppositori del nuovo regno decisero di tendergli un agguato, ma per sbaglio aggredirono il figlio, che perse un occhio. Per sistemare le cose, il re inviò a Isernia sette garibaldini, che però furono sopraffatti dalle truppe borboniche e dovettero ritirarsi all’interno di Palazzo Jadopi. Quest’ultimo fu preso d’assalto e dato alle fiamme: le teste dei sette garibaldini furono appese ai balconi. Narra una leggenda locale che nel Palazzo vive ancora il fantasma di uno di essi.
All’esterno e all’interno, il Palazzo riflette i canoni dello stile neoclassico tipico dell’epoca. Il prospetto si sviluppa su tre livelli ed è abbellito da un notevole portale d’ingresso, incorniciato da una coppia di semicolonne di ordine tuscanico innalzate sul basamento in pietra che prosegue a chiusura del prospetto. Pregevole è anche l’ampio scalone interno che conduce dal pianterreno al piano superiore.
Restaurato nella seconda metà del Novecento, Palazzo Jadopi è ora sede di uffici dell’Amministrazione provinciale di Isernia.
Condividi "Palazzo Jadopi" su facebook o altri social media!