Login / Registrazione
Sabato 10 Dicembre 2016, Madonna di Loreto
follow us! @travelitalia

Acquedotto Romano

Isernia / Italia
Vota Acquedotto Romano!
attualmente: 06.00/10 su 1 voti
Fra le opere antiche meglio conservate in Isernia, l’acquedotto romano risale all’epoca dell’imperatore Traiano, o più probabilmente al III secolo d.C., e si snoda per circa quattro chilometri e mezzo sotto l’abitato cittadino, tra le rocce sotterranee. Costruito come sapevano fare gli ingegneri romani, l’acquedotto fornisce ancor oggi l’acqua alle fontane e alle case di Isernia.
La fonte principale, la cosiddetta caput acquae, si trova presso la montagna di San Martino (Miranda). L’acqua che passa attraverso il condotto è molto fredda, essendo a contatto con la roccia di travertino. Attraverso una serie di canali di drenaggio, l’acqua viene raccolta in un unico pozzo, che costituisce l’inizio dell’acquedotto vero e proprio. Il condotto si divide in due parti: quella settentrionale, utilizzata per il riempimento del pozzo nella porta nord del centro storico, e quella meridionale che attraversa, a poca profondità, il centro abitato.
E’ possibile ammirare un casotto circolare, realizzato il secolo scorso presso l’inizio dell’acquedotto.
Condividi "Acquedotto Romano" su facebook o altri social media!