Login / Registrazione
Domenica 25 Settembre 2016, Sant'Aurelia
follow us! @travelitalia

Chiesa di San Domenico

Gubbio / Italia
Vota Chiesa di San Domenico!
attualmente: senza voti.
La Chiesa di San Domenico, inizialmente intitolata a San Martino, sorge alla fine di Via dei Consoli. Di essa si ha notizia sin dal secolo XI. Ampliato dai Domenicani nel Trecento, l’edificio fu ulteriormente ingrandito nel Quattrocento (con l’aggiunta del presbiterio), rinnovato nel Cinquecento, restaurato nel Seicento e radicalmente trasformato nel Settecento. Nei lavori del Cinquecento andarono perdute le cappelle laterali e gli affreschi che ornavano tutta la chiesa. Di esse restano solo le prime due a sinistra complete, e quelle di destra ridotte a due nicchie.
La facciata è tuttora incompiuta. L’interno, a croce latina e a navata unica, contiene numerose opere d’arte, tra cui spiccano: le decorazioni murali delle prime due cappelle a destra e a sinistra, che comprendono le Storie di San Pietro Martire, della bottega del Nelli e un’Incoronazione della Vergine della fine del Trecento; gli stupendi affreschi cinquecenteschi della cosiddetta Cappella dei Lombardi; la tavola con San Vincenzo Ferrer, attribuita a Jacopo Bedi; la secentesca Maddalena, di G. Baglioni; i Tre regni, di Felice Damiani; la Comunione degli Apostoli, tavola attribuita a G. Presutti; la bellissima Vergine col bambino e angeli, Raffaellin del Colle, discepolo di Raffaello, dallo stile caratteristico. Nel coro sono notevoli gli stalli lavorati a intaglio e ad intarsio (1511), cui ha lavorato Pierangelo di Antonio. Nel centro del coro, troneggia l’imponente leggio intagliato e intarsiato, opera attribuita al celebre Mariotto di Paolo Sensi, detto il “Terzuolo”.
Condividi "Chiesa di San Domenico" su facebook o altri social media!