Login / Registrazione
Lunedì 5 Dicembre 2016, San Saba
follow us! @travelitalia

Porta Schiavonia

Forlì / Italia
Vota Porta Schiavonia!
attualmente: 09.50/10 su 4 voti
L’imponente Porta Schiavonia si trova sul piazzale omonimo, al termine di Corso Garibaldi, all’ingresso nord della città. Essa fu edificata alla fine del Seicento, come arco monumentale, con impianto barocco, inserito nella fatiscente Rocchetta di Schiavonia. Quest’ultima era sorta per presidiare l’accesso alla città dalla parte di Faenza. Fra le varie porte dell’antica cinta muraria (Porta San Pietro, Porta Cotogni e Porta Ravaldino), Porta Schiavonia è l'unica sopravvissuta alla ristrutturazione urbanistica ottocentesca che prevedeva, tra l’altro, l'abbattimento delle mura, costruite dagli Ordelaffi e da Caterina Sforza tra il 1438 e il 1499.
La struttura presenta oggi un'unica apertura monumentale, affiancata da coppie di pilastri sormontati da un capitello, che proseguono anche nella parte alta, oltre la cornice marcapiano. Al di sopra compare una lapide con una lunga iscrizione latina che riporta la data del 1743 (anche se scritta in modo non convenzionale), il nome del papa allora regnante (Benedetto XIV), e la dedica della porta al Legato Pontificio dell’epoca, cardinale Camillo Paulucci.
Sul curioso nome della Porta si sono formulate varie ipotesi. La più probabile suggerisce che l’area su cui sorge la Porta fosse abitata dai Forlivesi, fatti schiavi da Alarico nel 400 e liberati per l’intervento di San Mercuriale.
Condividi "Porta Schiavonia" su facebook o altri social media!