Login / Registrazione
Sabato 1 Ottobre 2016, Santa Teresa di Lisieux di Gesù Bambino
follow us! @travelitalia

Giostra della Quintana

Nel 1946 venne riproposta a Foligno la Giostra della Quintana, su indicazione di Emilio de Pasquale, che si ispirò a una giostra del febbraio 1613. In quell’anno lontano, cinque cavalieri di altrettante famiglie gentilizie si affrontarono per decidere se fosse più confacente a un cavaliere d’onore la fedeltà al principe o la fedeltà alla dama. Le giostre a Foligno sono documentate a partire dal 1448, ma l’interesse degli organizzatori del 1946 si rivolse alla giostra del 1613 perché era stata descritta in ogni particolare in alcuni manoscritti attribuiti a Ettore Tesorieri, cancelliere priorale della città.
La versione moderna della Quintana si gioca la seconda e la terza domenica di Settembre. Al “Campo de li Giochi” 10 cavalieri, uno per ogni rione della città, in sella a magnifici destrieri, debbono coprire un percorso a otto, al centro del quale è disposta una statua lignea del XVII secolo, denominata “Quintana”.
Sul braccio destro disteso del simulacro vengono appesi anelli di misura decrescente, nella prima tornata gli anelli misurano un diametro interno di cm. 10. I cavalieri che terminano la corsa senza aver avuto alcuna penalità, cioè aver infilato tre anelli, non aver abbattuto bandierine che delimitano la pista, non essere usciti dal percorso, non aver terminato la gara fuori tempo massimo, non aver perduto parti del vestiario, e aver consegnato alla giuria di gara tutti gli anelli, passano alla seconda tornata in cui gli anelli si restringono ed hanno un diametro interno di cm. 8, mentre nella terza tornata gli anelli misurano 6 cm. di diametro.
Il cavaliere che, avrà infilato i tre anelli nel minor tempo e con minor penalità degli altri vincerà il palio della giostra, eseguito da pittori di fama internazionale.
I cavalieri gareggiano per i colori dei dieci rioni cittadini: Ammanniti, Badia, Cassero, Contrastanga, Croce Bianca, Giotti, Mora, Morlupo, Pugilli e Spada. Essi sono accompagnati in corteggio per la città e al campo di gara dalle rispettive rappresentanze rionali che sfilano indossando i sontuosissimi abiti dell’epoca.
Condividi "Giostra della Quintana" su facebook o altri social media!