Login / Registrazione
Domenica 11 Dicembre 2016, San Damaso I
follow us! @travelitalia

Abbazia di Sassovivo

Foligno / Italia
Vota Abbazia di Sassovivo!
attualmente: 10.00/10 su 4 voti
Poco distante da Foligno, arroccata alle pendici del Monte Aguzzo, la suggestiva Abbazia di Sassovivo s’innalza temeraria sul cupo bosco di lecci che veste i fianchi dei monti limitrofi. Immerso in uno stupendo contesto naturale, il vasto complesso abbaziale fu fondato dai monaci benedettini nella seconda metà dell'XI secolo sui resti di una costruzione preesistente: la residenza dei Monaldi. Il primo edificio del complesso fu edificato nel 1082 dall'eremita Mainardo e ingrandito - agli inizi del Duecento - dall'abate Niccolò. La struttura è una delle più antiche testimonianze della presenza benedettina nella Valle Spoletina e rappresenta uno dei rarissimi esempi di scultura e architettura romanica di un chiostro a monte.
Cuore del complesso è, infatti, il prezioso chiostro romanico, opera della bottega romana di Pietro de Maria (1229). Il chiostro è tutto di finissimo marmo. Intorno ai quattro grandi lati, sorgono sopra doppio ordine di delicate colonne, svelti ed eleganti archi a tutto sesto, che reggono dopo larga fascia un vago cornicione. A compierne la decorazione girano intorno alla fascia due graziose liste d'intarsiatura e smalto dorato, e a brillanti colori; dal lato dirimpetto alla chiesa portano le mensole di un fino mosaico alessandrino. L'architettura è corretta e gentile: l'esecuzione quanto mai delicata. Gli archi del chiostro sono 56 e le colonne 112; sopra una delle due porticine d’accesso alla chiesa, si legge in versi il nome del committente: Angelo dell'illustre casato dei conti d'Oppello, diciassettesimo abate di questo celebre monastero dal 1222 al 1260. Sulle pareti del chiostro sono impronte d’intonaco dipinto che fanno pensare allo sviluppo di una decorazione su tutta la superficie. In un locale attiguo al chiostro, detto il Paradiso, si notano ancora affreschi monocromi del Quattrocento. Dal chiostro si accede al Monastero e al vasto refettorio, con la parete di fondo ornata da un affresco del 1595 che raffigura l'Ultima cena.
All'inizio del Quattrocento iniziò il declino dell'Abbazia, che fu soppressa nel 1814. Nel 1834 i diritti sul complesso furono ceduti dai monaci ai vescovi di Foligno. Nel 1979 presero possesso della struttura i Piccoli Fratelli e le Piccole Sorelle della Comunità Jesus Caritas.
Condividi "Abbazia di Sassovivo" su facebook o altri social media!