Login / Registrazione
Sabato 3 Dicembre 2016, San Francesco Saverio
follow us! @travelitalia

Monastero del Corpus Domini

Ferrara / Italia
Vota Monastero del Corpus Domini!
attualmente: 07.57/10 su 14 voti
Il monastero del Corpus Domini fu fondato da Bernardina Strozzi nel 1406. Il nucleo originario si ampliò rapidamente nella zona fra le vie Savonarola, Praisolo, Campofranco e Pergolato. Il Monastero divenne un notevole complesso, riservato alle Clarisse, per l’affluire di rendite e lasciti, e grazie alla generosità degli Estensi. Fra i lasciti più cospicui, si ricorda quello di Giovanni Romei, del 1483. Oggi il convento - al quale si accede da Via Pergolato - occupa solo una parte degli edifici originari, essendo stato trasformato nei secoli XIX e XX.
La chiesa prospetta su Via Campofranco. La facciata è tipicamente ferrarese, e presenta un portale a cuspide acuta, rosone e archetti in cotto. L’edificio attuale risale al Settecento quando, per un incendio nel 1665, la chiesa fu rifatta ed ingrandita, con l’impegno del Comune di Ferrara. L’edificio fu modificato anche strutturalmente cambiando la distribuzione della facciata sulla quale appaiano ancora le tracce dell’originaria disposizione.
L’interno presenta opere notevoli. Sull’ovale del soffitto spicca l’affresco settecentesco La gloria di Santa Caterina Vegri, dipinto dal Ghedini; sull’altar maggiore, è la pala raffigurante la Comunione degli Apostoli, opera del veronese Cignaroli; mentre nel coro si possono osservare il ritratto di Santa Caterina Vegri del Garofoli e la preziosa Crocifissione, eseguita agli inizi del ‘600 da Ippolito Scarsella, detto la Scarsellino.
Il convento deve la sua fama alla figura mistica di Caterina Vegri (1413-1463), un tempo damigella estense, che vi dimorò per alcuni anni e che santificata nel 1712. Ma il convento è famoso anche perché - nel pavimento dell’ambiente denominato “coro” delle Clarisse - sono le lapidi tombali di alcuni importanti personaggi di casa d’Este: il duca Ercole II, Eleonora d’Aragona, Alfonso I, Lucrezia Borgia, Alfonso II, ultimo duca di Ferrara e la prima moglie Lucrezia de’Medici; ed ancora Lucrezia d’Este, Eleonora d’Este e Camilla Caterina Gonzaga, che furono anche monache del Corpus Domini. Alla fine del “coro”, sotto una piccola lapide, sono raccolti i resti di molti altri Estensi, qui trasportati dalla chiesa di Santa Maria degli Angeli, ora scomparsa.
Condividi "Monastero del Corpus Domini" su facebook o altri social media!