Login / Registrazione
Martedì 27 Settembre 2016, San Vincenzo de' Paoli
follow us! @travelitalia

Monastero di San Francesco d'Assisi

Cosenza / Italia
Vota Monastero di San Francesco d'Assisi!
attualmente: 09.14/10 su 7 voti
Costituito dalla Chiesa e dal Convento dei frati Minori, il Monastero di San Francesco d’Assisi è l’edificio religioso più antico e più importante di Cosenza, dopo il Duomo. Il complesso sorge sul colle Pancrazio e fu eretto sui resti di un preesistente monastero benedettino. Distrutto dal terremoto del 1184, fu ricostruito nel 1217 dal beato Pietro Cathin, compagno e discepolo di San Francesco, come dimora dei frati minori. Alcuni anni dopo vi ritornarono i Benedettini, poi i Conventuali e quindi i Minori Osservanti, che eressero la Cappella dell’Immacolata. A causa dei terremoti, ma soprattutto dei bombardamenti del 1943, il Monastero fu quasi completamente distrutto.
La Chiesa originaria era a unica navata, perpendicolare a quella attuale: assunse linee barocche quando fu rifatta verso il 1657. La facciata, rifatta in stile neoclassico dopo il terremoto del 1854, mostra in alto le statue marmoree dell’Immacolata e di San Francesco.
L’interno è a croce latina e presenta tre navate, divise da colonne. Il soffitto, quattrocentesco, è interamente coperto da lamine d’oro. Stupendo è l’altare maggiore in legno dorato. Di grande effetto è il pulpito ligneo, realizzato nella prima metà del Novecento. Fra le molte opere d’arte che la Chiesa conserva, ricordiamo: un Crocifisso ligneo del Settecento; una cinquecentesca statua della Madonna con Bambino attribuita a Giuseppe Bottone; il Perdono di Assisi, l’Immacolata e l’Eterno Padre, tele di Daniele Russo; vari stucchi di Giuseppe Calì; una settecentesca scultura lignea dell’Immacolata; un San Pasquale Baylon di G. Cenatiempio; un coro ligneo del primo Cinquecento. In un ambiente separato, già coro della chiesa originaria, si trova un sarcofago ligneo con le spoglie del diacono beato Giovanni da Castrovillari, ai suoi tempi considerato gran taumaturgo. Altre opere notevoli sono conservate in sagrestia e, soprattutto, nella Cappella di Santa Caterina, la più bella della Chiesa, fastosamente decorata con intagli lignei dorati e dipinti settecenteschi.
Condividi "Monastero di San Francesco d'Assisi" su facebook o altri social media!