Login / Registrazione
Domenica 4 Dicembre 2016, San Giovanni Damasceno
follow us! @travelitalia

Villa Olmo

Como / Italia
Vota Villa Olmo!
attualmente: 08.00/10 su 2 voti
Villa Olmo sorge in Via Cantoni ed è la dimora neoclassica più sfarzosa ed imponente della città di Como. Fu voluta, a fine Settecento, da Innocenzo Odescalchi discendente dell'omonimo pontefice. I lavori iniziarono nel 1782 sotto le direttive dell’architetto Innocenzo Ragazzoni ma, successivamente, gli Odescalchi si rivolsero al ben più celebre Simone Cantoni, architetto ticinese dell’età neoclassica. L’edificio fu ultimato, nella parte centrale, nel 1789, mentre i corpi laterali – poi abbattuti – furono aggiunti nel 1796. Un anno dopo, la Villa fu inaugurata da Napoleone Bonaparte. Ereditata dai nipoti Raimondi nel 1824, la Villa ospitò nel 1838 l'imperatore d'Austria, il principe di Metternich e il maresciallo Radetzky. Nel 1883 la proprietà fu acquisita dai Visconti di Modrone, il cui stemma campeggia sull’elegante facciata della Villa.
All’esterno, il gigantesco olmo che diede il nome alla villa non esiste più, ma il giardino all’italiana sul davanti ed il parco retrostante sono ricchi di alberi secolari e di piante d’alto fusto. All’interno, molte sale sono decorate da affreschi e stucchi; sontuoso è il salone da ballo, a doppia altezza, con bassorilievi e statue. Notevole è anche il prezioso teatrino settecentesco. Gran parte della decorazione è opera del pittore Domenico Pozzi con i fratelli Carlo Luca e Giuseppe, di vari stuccatori e decoratori, e dello scultore Francesco Carabelli.
Dagli inizi del Novecento la Villa è proprietà del comune di Como, che la utilizza per convegni e, da alcuni anni, per prestigiose mostre di pittura. Dal 1982 vi ha sede il Centro di Cultura Scientifica "A. Volta" che vi organizza convegni, corsi, conferenze e mostre, in campo scientifico e tecnico, a livello internazionale.
Condividi "Villa Olmo" su facebook o altri social media!