Login / Registrazione
Domenica 11 Dicembre 2016, San Damaso I
follow us! @travelitalia

Convento dei Cappuccini

Cesena / Italia
Vota Convento dei Cappuccini!
attualmente: 06.00/10 su 1 voti
Il convento sorge in Via Cappuccini, su un colle a ridosso della città ed è raggiungibile con una breve passeggiata. Ha una storia relativamente recente, almeno in confronto agli altri grandi complessi cesenati. Fu, infatti, costruito a partire dal 1559 e già nel 1616 fu sottoposto ad ampliamenti. Le sue sfortunate vicissitudini ebbero paradossalmente inizio proprio quando, nel 1796, Pio VI ne decretò la ricostruzione in forme monumentali: l'occupazione napoleonica, infatti, bloccò lavoro e dette inizio ad anni d’incertezza sul futuro del complesso.
Il convento è interessante non tanto per il suo valore architettonico, ma per le opere che vi sono conservate: L'Arcangelo Gabriele e la Vergine Annunziata (1693-94), una delle poche opere superstiti del cesenate Marco Maria Lascari; una Ultima Cena di Cristoforo Serra, non visibile; ma soprattutto la pala d’altare con San Francesco che riceve le stigmate di Giovan Francesco Barbieri detto il Guercino (1646). In epoca napoleonica, l'opera fu trasferita a Milano e solo nel 1816 fu riacquisita dal comune di Cesena. Ora è di proprietà della Pinacoteca Comunale. Nella tela campeggia in primo piano la figura di San Francesco, cui si accompagna un altro frate intento a leggere. San Francesco, inginocchiato in adorazione davanti a una croce, con le braccia aperte e rivolte verso il cielo, mostra chiaramente le stigmate sul palmo delle mani e sui piedi. L'impostazione risente del classicismo di Guido Reni e il dipinto rientra nel clima tipico della Controriforma.
Condividi "Convento dei Cappuccini" su facebook o altri social media!