Login / Registrazione
Venerdì 30 Settembre 2016, San Girolamo
follow us! @travelitalia

Teatro Politeama

Catanzaro / Italia
Vota Teatro Politeama!
attualmente: 07.14/10 su 7 voti
Nel 1938 veniva demolito lo storico teatro Comunale, costruito fra il 1818 e il 1830. In precedenza, gli spettacoli teatrali a Catanzaro si tenevano in un piccolo teatro in piazza Duomo, distrutto dal terremoto del 1783, e in alcune delle piazze più belle della città. Il successo che questi spettacoli ottenevano richiese la costruzione di una struttura adeguata, sia per lo spessore culturale che le stesse proponevano, sia per la lunga tradizione teatrale che la città vantava. Il teatro Comunale consolidò in modo definitivo le tradizioni teatrali della città, divenne uno dei teatri più importanti dell'Italia meridionale e vide rappresentazioni dei maggiori compositori e drammaturghi, italiani e stranieri, quali Pergolesi, Rossini, Goldoni, Giacosa, D'Annunzio, Scribe, Sardou, Mirabeau, Dumas, Tolstoj, Shakespeare, Dostoevskij. Vi si esibirono i più noti artisti del tempo, da Ermete Novelli a Ermete Zacconi, da Giovanni Emmanuel a Gustavo Salvini. Il glorioso Comunale però risentì molto della crisi economica e sociale che investì la città dopo la Grande Guerra. Iniziò così un lento e inesorabile declino che portò alla demolizione del 1938. Da allora fino alla costruzione del nuovo Politeama qualche rappresentazione dell'arte che tanto aveva appassionato i Catanzaresi fu tenuta nel Teatro Masciari.
Dopo oltre sessant'anni, Catanzaro ha avuto finalmente il suo nuovo Teatro. Inaugurato il 29 novembre 2002 con un concerto dell'orchestra dell'Arena di Verona, il Teatro Politeama sorge in pieno centro storico, sull'area del vecchio e demolito Cinema-Teatro Politeama. L’opera, fortemente voluta dal Comune, è stata progettata dal prof. Paolo Portoghesi, uno dei maggiori architetti italiani.
Notevole è la facciata, arricchita dall’estro di Portoghesi con una meravigliosa fontana davanti all’ingresso principale. La struttura del teatro – 53 mila metri cubi di volume, 5.700 metri quadrati di superficie – ruota intorno ad una sala a ferro di cavallo di 500 metri quadrati. Il progetto si è quindi attenuto alla tradizione architettonica del teatro classico all'italiana. Così, ad esempio, il parterre – che contiene posti per 372 spettatori – segue un movimento ondulatorio su una superficie quasi concava. La punta di diamante del teatro è il palcoscenico che, con le sue novità tecnologiche, annovera il Politeama tra i teatri più moderni d’Italia. Dotato di due ballatoi di manovra, cinque ponti per le luci a velocità fissa, sei ponti per le scene a velocità variabile e un sistema di elevazione che consente di scaricare direttamente il materiale scenografico,il palcoscenico ha una larghezza di 22,30 metri, una profondità di 20 e un’altezza di 30.
Condividi "Teatro Politeama" su facebook o altri social media!