Login / Registrazione
Lunedì 27 Marzo 2017, San Ruperto
follow us! @travelitalia
 

Campania

 
Regione dell'Italia meridionale, la Campania comprende le isole di Ischia, Procida e Capri ed è prevalentemente collinosa e montuosa. Essa presenta una fascia di pianure costiere, una zona di preappennino vulcanico e l’Appennino campano. La costa si apre nei golfi di Gaeta, Napoli, Salerno e Policastro. Nel Golfo di Napoli si ergono le formazioni vulcaniche dei Campi F1egrei e il Vesuvio. I rilievi appenninici si allungano dalla Bocca di Forlì del Sannio alla Sella di Conza, con massicci calcarei intervallati da depressioni che talora si sollevano in catene collinari argillose. In direzione nord-sud si distinguono i monti del Matese, i monti Picentini, Alburno, Marzano, il Cilento e il monte Bulgheria. I corsi d'acqua principali sono il Garigliano, il Volturno, il Calore e il Sele. A eccezione delle zone più elevate, il clima è mite in tutta la Regione, grazie all'influsso marino di cui beneficia in particolare il litorale.

La Campania detiene il primato italiano di densità di popolazione, conseguenza di un notevole incremento naturale, controbilanciato solo in parte da un rilevante flusso migratorio interno e verso l'estero, fenomeno marcato soprattutto nelle aree più depresse. La popolazione si addensa in larga misura e con continuità di insediamenti nella fascia costiera delle Province di Caserta, Napoli e Salerno; circa un quarto del totale risiede nell'area metropolitana, afflitta da gravi problemi di sovrappopolazione. Nelle Province dell'entroterra la popolazione tende a frazionarsi in centri con meno di 5.000 abitanti. Sono ancora irrisolti alcuni problemi igienico-sanitari, sicché, per quanto riguarda la mortalità infantile, la Regione registra il più alto tasso nazionale.

L'economia campana fa capo principalmente al polo napoletano, dotato di importanti strutture industriali e portuali. Nonostante ciò la Regione vive tuttora una drammatica situazione economica, eredità di una secolare arretratezza e di una cattiva amministrazione nella gestione delle risorse. Questo malessere si è acuito nell'ultimo dopoguerra per una politica di investimenti accentrati in poche aree privilegiate e soggette a speculazioni per la presenza di un gravoso apparato burocratico e, infine, in parte attribuibili al disastroso terremoto del 1980. L'agricoltura, una delle prime risorse, potenziata nelle piane più fertili del Garigliano, del Volturno e del Sele, sta attraversando una graduale trasformazione con il diffondersi delle colture orticole e degli alberi da Frutta accanto a quelle tradizionali cerealicole: a essa è connesso un settore alimentare-conserviero che figura fra i settori di traino dell'industria regionale. Quest'ultima è presente nei settori siderurgico, chimico, meccanico e tessile ed è dotata di complessi di vaste dimensioni. Fra le altre attività si segnalano quelle commerciali e portuali, tanto da far diventare il porto di Napoli il primo in Italia per traffico passeggeri; di scarso rilievo è la pesca. La Campania è interessata da un consistente movimento turistico richiamato dal patrimonio naturale-artistico e archeologico visibile negli scavi di Pompei, Ercolano e Paestum. Di pari importanza il turismo balneare praticato lungo i coste che sono fra le più belle del Mediterraneo e nelle isole, non esenti tuttavia da fenomeni di speculazione edilizia e di degrado ambientale.
 

Napoli

"Il mare dove finisce il dolore è il mare di Posillipo, il glauco mare che prende tutte le tinte, che si adorna di tutte le bellezze". Così; Matilde Serao descrive nelle sue "Leggende Napoletane"il panorama che si schiude dalla terrazza cittadina di Napoli, Posillipo appunto. Napoli è una città stupenda e magica che si estende nel golfo omonimo. La città - capoluogo di provincia e della regione Campania - è famosa in tutto il mondo per le sue bellezze artistiche e naturalistiche, per la sua ...

Avellino

“Più volte devastata, Avellino presenta scarse illustrazioni della sua lunga storia; lo leggo in un libretto riguardante l'Irpinia, edito nella città. Essa è resa piacevole dal panorama della verde conca che la circonda. E appunto perche non distratti dal richiamo di troppi monumenti famosi, possiamo qui vedere in maniera più limpida alcune condizioni, alcuni bisogni, alcune tendenze degli animi, che si ripetono in quasi tutto il Mezzogiorno, specie nelle zone meno ricche. Ad Avellino, più che ...

Benevento

"... Nulla in Italia è più antico di Benevento, che secondo le leggende locali fu fondata o da Diomede o da Ausone, un figlio di Ulisse e Circe. Essa fu senza dubbio un'antica città ausonica, fondata lungo tempo prima della conquista sannita di questa parte d'Italia. Pur tuttavia è come di una città sannitica che per primo sentiamo parlare di essa, ed è allora una fortezza così poderosa che sia nella prima sia nella seconda guerra Sannita, Roma non ardisce attaccarla. Nella terza guerra sannit...

Caserta

Nel suo celebre “Viaggio in Italia” del 1957, Guido Piovene così descrive la città di Caserta (vecchia): “Prima che la Caserta d'oggi nascesse, la città dello stesso nome sorgeva a undici chilometri tra le montagne; ed è quella che chiamiamo Casertavecchia (*); e pochi luoghi mi hanno impressionato di più nel mio viaggio in Italia. È stata messa in valore nel dopoguerra. La Cassa del Mezzogiorno ha versato un centinaio di milioni per restaurare la bellissima cattedrale; si progetta il r...

Salerno

Inondata dal sole del meriggio chiusa tra i monti e la marina giace Salerno splendida nel golfo lucente incantato, accarezzato dai venti del Tirreno. Sulla collina i resti del Castello longobardo, geloso guardiano della villa. Fra le pietre corrose dal tempo ancor risuona possente il grido dei pirati saraceni assalitori in cerca di schiavi e di bottino, lo scalpitar dei destrieri pria normanni poi svevi, il latrato dei mastini della guerra, il furore angioino e aragonese<...
 
Altre regioni d'Italia: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Trentino Alto Adige, Umbria, Valle d'Aosta, Veneto.