Login / Registrazione
Lunedì 26 Giugno 2017, San Vigilio
follow us! @travelitalia
 

Calabria

 
La Calabria, estremità peninsulare meridionale italiana, è una regione prevalentemente montuosa e collinosa, con strette lingue pianeggianti lungo le coste, generalmente alte e scoscese. L'orografia presenta una successione di rilievi intercalati da depressioni: il monte Pollino, la vetta più alta della Regione, la Sila, incisa da profonde valli, la Catena Costiera, le Serre e l’Aspromonte all’estremità meridionale. I corsi d'acqua, denominati “fiumare”, sono a carattere torrentizio; in regime di piena trascinano quindi masse di detriti e provocano la formazione di acquitrini lungo la costa, con gravi danni per l'agricoltura. Corsi d'acqua principali sono l'Amato e il Mesina sul versante tirrenico, il Neo e il Crati su quello ionico. Il clima è mite lungo le coste, beneficiando dell'influsso marino, mentre all'interno è caratterizzato da inverni rigidi con precipitazioni nevose.

La situazione demografica della Calabria è stata influenzata in modo determinante da una massiccia corrente migratoria, perdurata nel corso del Novecento e attenuatasi solo negli ultimi anni. L'emigrazione, che ha raggiunto il picco massimo nel secondo dopoguerra, si è indirizzata sia verso l'estero sia verso le Regioni dell'Italia settentrionale. Attualmente si assiste a una ripresa demografica nei centri con più di 30.000 abitanti, dove si concentra in larga misura la popolazione, con conseguente spopolamento dei centri minori. In Provincia di Cosenza risiedono comunità albanesi e valdesi.

Con un alto indice di disoccupazione e sottoccupazione e una media di consumi pro capite fra le più basse d'Italia, la Calabria è la Regione meno sviluppata d’Italia. Questa situazione di arretratezza non è stata risolta dai piani di investimento messi in atto negli ultimi decenni e spesso tradotti in iniziative disorganiche e contraddittorie, non di rado condotte proprio nei settori che hanno maggiormente risentito della recente riconversione produttiva, come, ad esempio, l'industria chimica e quella siderurgica.
 

Catanzaro

Dopo il suo viaggio in Italia, compiuto nel 1777-1780, l’inglese Henry Swinburne così descrive la città: «... Catanzaro fu costruita nel 963 quale baluardo contro i Saraceni. La posizione prescelta, su di un'altura fra le montagne e il mare, era senza dubbio ottima per ricacciare gli infedeli che, provenendo dall'Africa o dalla Sicilia, solevano sbarcare a Reggio. Col tempo la città aumentò la propria estensione e il numero degli abitanti e finalmente nel 1593 raggiunse la dignità di capitale,...

Cosenza

Cesare Malpica, scrittore capuano del romanticismo, innamorato di Cosenza, così descriveva la città calabra. “Ecco Cosenza. Biancheggiante, tutta irradiata dal sole, siede regina del Vallo, signora dei Casali che da lei dipendono. È priva di alti campanili perché glielo vietano i frequenti tremuoti. Ma fa bella mostra di sé, come quella che posta dove il Vallo finisce, par che sia qual porto in cui tutte le ricchezze della provincia hanno ricovero, smercio e splendore. Non so come avvenga, ma a...

Reggio di Calabria

Qui sognano i calabresi e aspettano di partire ai quattro venti craie o piscraie, piscridde o piscruoffle (domani o dopodomani, dopodomani ancora o ancora dopo...) Si infiamma la fronte, si scalda la testa e bolle il cuore alle porte dello Stretto ... Su Reggio e il suo Stretto, così scriveva il poeta contemporaneo Leonardo Sinisgalli, di formazione ermetica, ricordando – in particolare – gli emigranti di Calabria che di qui partivano in cerca di lavoro e di fortuna. Reggio Calabria è...
 
Altre regioni d'Italia: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Trentino Alto Adige, Umbria, Valle d'Aosta, Veneto.