Login / Registrazione
Martedì 6 Dicembre 2016, San Nicola
follow us! @travelitalia

Necropoli di Tuvixeddu

Cagliari / Italia
Vota Necropoli di Tuvixeddu!
attualmente: 08.50/10 su 4 voti
La Necropoli di Tuvixeddu Si stende sul colle di Tuvixeddu-Tuvumannu ed è la maggiore zona storico-monumentale di Cagliari. È anche una delle più grandi e importanti necropoli del Mediterraneo, sia per varietà tipologica delle tombe, sia per il loro discreto stato di conservazione.
La Necropoli di Tuvixeddu risale al periodo fenicio-punico della città e contiene moltissime tombe – oltre 1100, tra fenicio-puniche e romane – di grande valore storico, etnografico e documentale, sopravvissute ai saccheggi e allo sventramento delle cave che per secoli hanno alimentato i cantieri cittadini. Le tombe più antiche vanno dal VI al III secolo a.C. e sono prevalentemente del tipo “a pozzo”, con camera ipogeica: vi si accede, infatti, attraverso un pozzo verticale, profondo 6-7 metri. Al fondo del pozzo è scavata la camera, sul cui pavimento roccioso erano deposti i defunti. Molte tombe sono decorate con affreschi alle pareti: particolarmente belle e interessanti sono la Tomba dell'Uréo, che prende nome dal fregio di serpenti che vi è dipinto, e la Tomba del Sid, in cui è raffigurato il giovane dio cartaginese. La Necropoli contiene anche un’area romana, utilizzata fra il 238 a.C. e il 456 d.C., ossia fra la conquista romana di Cagliari e la caduta dell’Impero romano d’Occidente. Le tombe romane, fra cui la notissima “Grotta della Vipera”, interessano non tanto per gli aspetti architettonici, ma soprattutto perché presentano decorazioni e incisioni in latino e in greco, indicative dei gusti e del modo di pensare di quei tempi lontani.
Condividi "Necropoli di Tuvixeddu" su facebook o altri social media!