Login / Registrazione
Sabato 3 Dicembre 2016, San Francesco Saverio
follow us! @travelitalia

Chiesa di San Paolo Eremita

Brindisi / Italia
Vota Chiesa di San Paolo Eremita!
attualmente: 06.00/10 su 1 voti
Sopra il porto, l’ammiraglio normanno Margarito da Brindisi aveva costruito la sua splendida residenza, chiamata Domus Margariti. Nel 1284 il complesso fu donato ai frati francescani da Carlo I d'Angiò, con l’indicazione di trasformarlo in chiesa e convento. I lavori si conclusero verso il 1322 e la Chiesa fu dedicata a San Paolo Eremita. Il convento, soppresso nell’Ottocento, fu destinato a ospitare uffici della Sottoprefettura poi della Prefettura; in aree pertinenti al complesso furono costruiti gli uffici della Provincia e una scuola. Da ultimo, la Chiesa fu restaurata nel 1964,.
Il prospetto fu ricostruito ai primi dell’Ottocento e leggermente arretrato. Alla base, si notano ancora dei filari di tufo carparo a bugnato, probabilmente resti della Domus Margariti. L’esterno è abbellito dalle originali monofore e dal portale laterale di semplici forme gotiche.
L'interno, a unica ampia navata, presenta alcuni altari barocchi dedicati a San Giuseppe da Copertino, a Sant'Antonio da Padova (1632), a Santa Maria, al Santissimo Crocifisso, all’Immacolata, ai Santi Vito, Modesto e Crescenzio. Fra le varie opere che ornano gli altari, le pareti, l’abside e il transetto, spiccano: La Madonna del Carmine con i Santi Caterina, Paolo Eremita, Diego e la famiglia Noguerol, attribuita ad Alessandro Fracanzano; una Deposizione di Cristo; la tela secentesca dell’Immacolata Concezione; il Transito di San Giuseppe; l’Annunziata; la piccola tela della Madonna della Concordia; la Visitazione, opera autografa del brindisino Jacopo de Vanis.
Nei locali della sacrestia è la cappella di San Francesco, voluta dallo storico locale Giovanni Maria Moricino come sepolcro per il figlio e per sé.
Condividi "Chiesa di San Paolo Eremita" su facebook o altri social media!