Login / Registrazione
Domenica 11 Dicembre 2016, San Damaso I
follow us! @travelitalia

Torri Pendenti

Bologna / Italia
Vota Torri Pendenti!
attualmente: 08.62/10 su 13 voti
Le torri gentilizie di Bologna - di origine medioevale - sono uno dei tratti più caratteristici della città. Esse fiorirono, soprattutto nel Duecento, quale segno di Potenza e ricchezza delle famiglie bolognesi, ma anche come luoghi di reclusione o vie di fuga in caso di pericolo. Nel Medioevo si contavano più di 180 torri: di esse, purtroppo, se ne sono salvate solo diciassette. Le più note sono senz’altro la Torre degli Asinelli e la Torre Garisenda, che - per la loro inclinazione - vengono anche denominate le “torri pendenti”.

  • Torre degli Asinelli. Ancora non si sa quando e da chi fu costruita. E’ però verosimile che la torre sia stata voluta dall’omonima famiglia ed eretta fra la fine dell’XI e i primi decenni del XII secolo. La Torre degli Asinelli è la più alta della città e - per altezza - la quarta in Italia. La torre è alta 97,20 metri ed è larga 8 metri. Alla base, nel 1488, fu aggiunto il piccolo fortilizio che veniva usato anche come prigione provvisoria per i disturbatori notturni. Per la presenza della scarpa di selenite, la base della torre misura 9 metri in larghezza. La torre degli Asinelli pende di 223 centimetri in direzione di Via Rizzoli e questo contribuisce al caratteristico aspetto delle due torri, poiché la Garisenda è inclinata dalla parte opposta. Delle due torri pendenti è l’unica visitabile: 498 gradini portano alla sommità, da cui si possono vedere sia la città dall’alto, sia le colline circostanti e la Pianura Padana.
  • Torre Garisenda. Si pensa che la sua costruzione sia contemporanea di quella della Torre Asinelli. Secondo antiche cronache cittadine, la torre sarebbe sorta per volontà di Oddo e Filippo Garisendi. Arrivata a 61 metri, la torre cominciò ad inclinarsi per un cedimento del terreno sottostante ed i lavori furono interrotti. Per motivi di sicurezza, fra il 1351 e il 1360 il governatore Giovanni da Oleggio fece accorciare di 13 metri la torre, che oggi è alta 48,16 metri. La sua pendenza è di 322 centimetri verso Via San Vitale, ma oggi si può ritenere la torre stabile ed in perfetto equilibrio. Dante dedicò alla Garisenda alcuni versi della Divina Commedia.
Condividi "Torri Pendenti" su facebook o altri social media!