Login / Registrazione
Martedì 6 Dicembre 2016, San Nicola
follow us! @travelitalia

Archiginnasio

Bologna / Italia
Vota Archiginnasio!
attualmente: 08.29/10 su 7 voti
Voluto da Pio IV Medici e realizzato da Antonio Morandi, detto il Terribilia, il palazzo dell’Archiginnasio sorse nel 1563, inglobando un certo numero di costruzioni preesistenti. Scopo dell’opera era raggruppare in un’unica sede le varie facoltà universitarie - fino allora disperse nei vari quartieri di Bologna - con l’intento di togliere loro ogni autonomia. L’Archiginnasio (in greco “prima scuola”) è quindi il risultato di un’operazione di potere che, iniziata al tempo dell’oligarchia comunale, fu portata a termine dai rappresentanti pontifici. Fino al 1803 fu sede dell'Università.
Il prospetto principale presenta un portico di 30 arcate e si articola su due piani intorno a un cortile centrale. Due ampi scaloni conducono al piano superiore che presenta aule scolastiche e due aule magne, una per gli Artisti (oggi sala di Lettura) e una per i Legisti (detta Sala dello Stabat Mater): in quest’ultima si tenevano le lezioni di giurisprudenza da parte dei giuristi bolognesi. Le pareti delle sale, le volte degli scaloni e dei loggiati sono decorate da iscrizioni e monumenti celebrativi dei maestri dello Studio e da migliaia di stemmi e nomi di studenti. Uno stemma in particolare, di uno studente peruviano, indica l'internazionalità dell'ateneo bolognese. Molto interessante è lo splendido Teatro Anatomico, in legno intagliato, opera di Antonio Levante (1637): qui si tenevano un tempo le lezioni di anatomia e si eseguivano le autopsie ad uso didattico. Nel Teatro si trovano le famose statue degli Spellati, di Ercole Lelli, e si può ancora vedere la finestrella da cui l’incaricato dell’Inquisizione controllava che le lezioni fossero tenute secondo i canoni dell’ortodossia.
Dal 1839, l’edificio è sede della Biblioteca Comunale. Con i suoi 600.000 volumi, oltre a migliaia di incunaboli, manoscritti, incisioni e disegni, è la maggiore biblioteca comunale d’Italia. Il teatro fu gravemente danneggiato durante la seconda guerra mondiale, ma fu poi ripristinato.
Condividi "Archiginnasio" su facebook o altri social media!