Login / Registrazione
Venerdì 19 Settembre 2014, San Gennaro
Fantasy - CC by-sa
follow us! @travelitalia

Guida Assisi

Download Guida assisi PDF
Guida assisi PDF
24193 download
Quali sono i posti da visitare a Assisi? Qui puoi trovare una guida di Assisi e molte informazioni utili: ristoranti, hotel, attrazioni, interessanti monumenti da visitare a Assisi.
Nel suo Medio Evo, il Dandolo descrive la Valle Umbra, rivolgendo ad Assisi queste parole:

“Dalla galleria gotica del tempio che prospetta mezzodì (il Tempio di Minerva), tu domini i poetici valloni dell’Umbria, chiusi all’orizzonte dall’azzurro Appennino ai quali starebbe bene quel caratteristico nome greco di paradiso, non altro significante nello stretto senso che sito piantato d’alberi; né ti accadrebbe infatti, di scorgere altrove più ricca varietà di boschi, vallette, rivi, scogli e casolari; deliziosa, ascetica arcadia, dove la voluttuosa commozione dei sensi è temperata dalle sante memorie, e le linee austere dei castelli merlati e dei chiostri francescani si maritano ai clivi fioriti e alle lussureggianti pendici”.

Già Dante Alighieri - nel Canto XI del Paradiso - circoscriveva la situazione di Assisi (in antico, Ascesi) fra il piccolo fiume Tupino che proviene dalla parte di Foligno e corre presso Spoleto, ed il fiumicello Chiasi o Chiascio, che nasce dal monte che Sant'Ubaldo elesse per suo ritiro nel territorio di Agobbio. Ammoniva il sommo poeta:

“Però chi d'esso loco fa parole / non dica Ascesi, ché direbbe corto / ma Oriente, se proprio dir vuole”.

Assisi è cittadina umbra in provincia di Perugia, rimasta medioevale, intatta per secoli. Essa e ancora protetta da una robusta cinta muraria - che s’inerpica sullo sperone occidentale del Monte Subasio - ed è dominata dalla mole della Rocca Maggiore e della grande Basilica di San Francesco. Alla costruzione di Assisi, alla sua storia e ai suoi grandi personaggi, hanno posto mano Terra e Cielo. In effetti, è quest’anello duale che rende Assisi un luogo magico, indimenticabile, unico al mondo.
Al visitatore che percorre la Valle Umbra, la città appare da lontano come un quadro costellato di chiese, campanili e case, incorniciato di mura possenti: questa è l’opera della Terra, dell’uomo, che qui ha voluto lasciare segni inconfondibili, profondi ed eterni. Ma ancor prima di entrare in città, prima di attraversare l’antica porta di San Francesco d'Assisi, si sente nell’aria la presenza, la mano del Cielo, quel tocco impalpabile e magico dello spirito che permea alberi e rocce, strade e piazze, costruzioni e giardini, pozzi e fontane, tutto. Ad Assisi, la dolce alchimia che risale ai primi anni del XIII secolo, a Francesco e a Chiara, rasserena il cuore e lo sguardo, induce al trascendente e trasporta in alto, verso i mondi lontani della Luce, del Pensiero, della Fede e della Poesia. Ad Assisi - non solo nei luoghi del sacro - continuano a risuonare i versi del Cantico delle Creature, con cui San Francesco s’immergeva nella Natura e ringraziava il Creatore. Assisi non è solo una città: Assisi è San Francesco, Assisi è un’esperienza.
Come si è detto, la città conserva gelosamente intatta la sua struttura medievale, anche se nei vicoli, nelle piazze e nei monumenti, spuntano qua e là i resti dell'antico municipium romano. Qui architetti, artigiani del legno e del ferro, scultori, artisti di ogni genere hanno lasciato l’impronta, dando ad Assisi un volto unico. Qui, davanti alla bellezza delle linee e alla purezza della pietra, sembra che il tempo si sia fermato: qui il Medioevo è sovrano.
La viabilità è propria di una cittadina del Duecento, arroccata alle pendici di un monte. E’ stato notato che

“Le vie maggiori si muovono tutte nel senso longitudinale del monte e salgono verso la Piazza del Comune. Tra l'una e l'altra s’inerpicano in senso verticale, strade, stradette, vicoli, archi, saliscendi, scalinate. Ai lati delle strade si notano le casette medievali, costruite tutte con la pietra del Subasio che diventa viva dopo la pioggia, rossa nella calda luce del tramonto, pallida sotto i raggi della luna o dei fiocchi di neve. Anche le porte delle case, spesso ad arco acuto, sono formate di pietra. Spesso, a fianco di una porta maggiore, con lo scalino a fior di strada, si nota un'altra porta murata, più stretta e con la soglia molto più alta. E' la "porta dei morti", che si apriva solo per far passare i morti e subito dopo veniva richiusa”.

Non vi sono strutture simmetriche, anche perché le case sono state rimaneggiate più volte nel corso dei secoli: ne fanno testimonianza le numerose porte e finestre murate e le speronature di sostegno. I tetti in tegole e coppi di terracotta si protendono sulla via sostenuti da mensole lignee. Quasi ad accentuare il senso di sicurezza, tutto il centro cittadino è inserito dentro le mura urbiche: mura che hanno attraversato varie vicissitudini e che portano in sé il segreto di tanta storia. Il perimetro delle mura è di circa cinque chilometri. La funzione dei vicoli, diritti e a perpendicolo, era quella di far raggiungere velocemente le mura in caso di un improvviso assalto. Completano il quadro urbanistico, offrendo facilmente al visitatore l'idea che sta vivendo in un tempo passato, le otto porte della città (San Giacomo, Perlici, Moiano, San Francesco, Nuova, San Pietro, Cappuccini e Sementone).
Assisi non solo ha un'importante storia artistica e culturale, come testimoniano il Palazzo dei Priori e la Pinacoteca Comunale, ma è da sempre meta di pellegrinaggio del mondo cristiano. Numerosissime sono le basiliche, tra le quali primeggia la Basilica di San Francesco, suddivisa nella Basilica Superiore - interamente affrescata tra il XIII ed il XIV secolo, e in cui è custodito il giottesco Ciclo della Vita di San Francesco - e la Basilica Inferiore. Importanti e frequentate sono anche la Basilica di Santa Chiara, la Chiesa di San Damiano, dove avvenne la conversione di San Francesco e la Basilica di Santa Maria degli Angeli. Quest’ultima ospita all’interno la Porziuncola, il luogo dove San Francesco accolse la sua prima comunità religiosa, e la Cappella del Transito, dove il Santo morì nel 1226.

 
Week End ad Assisi
Assisi è cittadina umbra in provincia di Perugia, rimasta medioevale, intatta per secoli. Essa è ancora protetta da una robusta cinta muraria ed è d...
Maggiori informazioni
 

Monumenti

Chiese
Abbazia di San Pietro
Basilica di San Francesco
Basilica di Santa Chiara
Basilica di Santa Maria degli Angeli
Cattedrale di San Rufino
Chiesa di San Damiano
Chiesa di Santa Maria Maggiore
Chiesa Nuova
Eremo delle Carceri
Monastero di Sant'Angelo di Panzo
Santuario di Rivotorto

Palazzi
Palazzo dei Priori
Palazzo del Capitano del Popolo
Portico del Monte Frumentario

Teatri
Anfiteatro Romano

Torri
Torre del Popolo

Castelli e forti
Rocca Maggiore
Rocca Minore

Piazze e vie

Piazze
Piazza del Comune

Musei

Musei
Foro Romano e Collezione Archeologica
Galleria d'Arte Contemporanea
Museo Capitolare
Museo d'Arte Moderna "Padre Felice Rossetti"
Museo degli Indios dell'Amazzonia
Museo del Tesoro della Basilica di San Francesco e Collezione Perkins
Museo della Porziuncola
Museo Etnografico Universale
Museo Pericle Fazzini
Pinacoteca Comunale

Storia

Storia
Storia di Assisi

Varie

Varie
Accademia Properziana del Subasio
Tempio di Minerva

Hai un solo giorno e non sai i principali luoghi da visitare a Assisi? Leggi la Guida ridotta
Ti è piaciuta questa guida? Condividila su facebook™, twitter™ o altri social network!