Login / Registrazione
Giovedì 29 Settembre 2016, SS. Michele, Gabriele e Raffaele
follow us! @travelitalia

Complesso dell’Annunziata

Ascoli Piceno / Italia
Vota Complesso dell’Annunziata!
attualmente: 09.00/10 su 6 voti
Il complesso della Chiesa e dell’ex Convento dell’Annunziata sorge sul colle omonimo, tradizionalmente indicato come il Capitolium della Ausculum romana, spazio riservato a importanti uffici religiosi oggi scomparsi. Alla metà del Duecento, le suore Agostiniane vi costruirono la prima chiesa della SS. Annunziata e il chiostro minore. Nella seconda metà del Quattrocento, il complesso passò ai frati Minori Osservanti, che realizzarono gli edifici attuali e li tennero fino all’Unità d’Italia, quando l’Ordine fu soppresso. Nel 1881 il complesso divenne sede di una scuola d’agricoltura e, nel 1926, fu adibito a orfanatrofio. Restaurato dal Comune, nel 1998 il complesso è diventato sede della Facoltà di Architettura dell’Università di Camerino.
  • La Chiesa fu eretta tra il 1485 e il 1514, dai maestri lombardi Domenico di Antonio e Giorgio di Baldassarre. L’oratorio sul lato destro della facciata, eretto nel 1486, fu dedicato a Giacomo della Marca, morto dieci anni prima e poi beatificato. L’interno, modificato radicalmente nel Cinquecento, fu affrescato dall’ascolano Don Tommaso Nardini sul finire del Seicento.
  • Il Convento, preceduto da un portico a otto arcate, comprende due chiostri. Il minore, databile al XIV secolo, ha porticato su pilastri ottagonali, con sovrapposto loggiato; al centro, presenta un bel pozzo del Quattrocento. Il chiostro maggiore, attribuibile alla fine del XV secolo, è coevo all’attuale chiesa.
  • Le Grotte. Il Colle dell’Annunziata è in parte artificiale, perché sostenuto su tre lati da muraglioni con nicchioni a volta, costruiti in età augustea. I vani, comunemente chiamati “grotte”, formano una serie di vasti ambienti, chiusi in alto da volte a botte, che terminano con pareti disposte ad angolo. Questi ruderi sono forse avanzi di un immenso edificio, sulla cui destinazione gli scrittori locali hanno molto fantasticato. Le “grotte” furono sicuramente utilizzate nel Medioevo, come depositi di derrate.
Condividi "Complesso dell’Annunziata" su facebook o altri social media!