Login / Registrazione
Mercoledì 28 Settembre 2016, San Venceslao
follow us! @travelitalia

Musei di Ancona

Ancona / Italia
Vota Musei di Ancona!
attualmente: 07.33/10 su 3 voti
GALLERIA D’ARTE MODERNA
c/o Palazzo Bosdari
Via Pizzecolli, 17
Sezione della Pinacoteca Civica “F. Podesti”, la Galleria è allestita in due sale all’ultimo piano di Palazzo Bosdari. In poco spazio, essa presenta una selezione di opere notevoli di Bruno Tassinari, Virgilio Guidi, Massimo Campigli, Aligi Sassu, Orfeo Tamburi, Carlo Levi, Ivo Pannaggi, Luigi Veronesi, Corrado Cagli e altri.

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DELLE Marche
c/o Palazzo Ferretti
Via G. Ferretti, 6
E’ fra i più ricchi musei archeologici d'Italia. Costituito nel 1860, divenne statale nel 1906 e nel 1958 è stato riaperto nel cinquecentesco Palazzo Ferretti. Il patrimonio del Museo comprende varie collezioni, che vanno dal paleolitico all’età romana. Sezioni tematiche sono dedicate agli abiti arcaici, all'isola villanoviana di Fermo, ai depositi votivi dei luoghi di culto. In particolare, sono esposti corredi funerari delle necropoli picene: quelli maschili sono ricchi di armi, mentre quelli femminili comprendono fibule, collane ecc. Tra le testimonianze scultoree, sono notevoli: la stele di Novilara, la testa in calcare del guerriero di Numana e il gruppo di bronzi dorati, probabilmente di età giulio-claudia, rinvenuto a Cartoceto di Pergola. Sono inoltre esposti vasi attici, a figure nere e rosse, del VI-IV secolo a.C.; vasi, argenti e avori di fattura etrusca; monili d'oro, sia di tipo ellenistico sia di area celtica; sculture, mosaici e affreschi d’epoca romana.

MUSEO DELLA CITTÀ
Piazza del Plebiscito
Il museo ripercorre le vicende storiche di Ancona con una serie di reperti, plastici, dipinti, stampe, riproduzioni fotografiche e supporti audiovisivi. Il percorso si sviluppa in quattro sezioni e, ricostruendo il passato, offre una chiave di lettura della città attuale. Notevoli sono le “vedute” del Vanvitelli, e il grande plastico che riproduce Ancona ottocentesca.

MUSEO DIOCESANO
c/o Palazzo del Vecchio Episcopio
Piazza Duomo, 9
Espone preziosi reperti lapidei raccolti nella ristrutturazione del Duomo. Fra i 350 pezzi del patrimonio museale, spiccano: il sarcofago di Flavio Gorgonio, del IV secolo; dipinti che vanno dal XIV al XIX secolo; il Tesoro della Cattedrale (sculture, argenterie, tessuti e oggetti sacri, in gran parte provenienti dalle chiese locali abbattute o bombardate). Veri capolavori sono i quattro arazzi fiamminghi, tratti da cartoni di Peter Paul Rubens.

MUSEO TATTILE STATALE OMERO
c/o Palazzo della Regione
Via Tiziano, 50 Visitato da varie scolaresche, il Museo è dedicato ai non vedenti, e permette loro di avvicinarsi al mondo dell’arte. Inaugurato nel 1993, espone calchi in gesso e modelli in legno di celebri sculture e monumenti del passato, realizzati per lo più a grandezza originale. Vi sono rappresentati capolavori egiziani, greci (il Partenone, la Nike di Samotracia e la Venere di Milo), etruschi, romani (Pantheon di Roma) e medievali (Basilica di San Pietro in Vaticano, Cattedrale di Ancona).

PINACOTECA CIVICA “F. PODESTI”
c/o Palazzo Bosdari
Via Pizzecolli, 17
Intitolata al pittore anconetano Francesco Podesti, la Pinacoteca espone preziose opere della pittura, soprattutto marchigiana, dal XIV al XIX secolo. Di particolare interesse sono le opere di Carlo da Camerino, Arcangelo di Cola, Andrea Lilli; dei veneti Carlo Crivelli, Tiziano, Sebastiano del Piombo e Lorenzo Lotto; del toscano Orazio Gentileschi e dell'emiliano Guercino.
La seconda sala contiene pitture e cartoni del Podesti. Oltre ad alcuni bei ritratti, si può ammirare il gran dipinto con gli anconetani che respingono le proposte di resa avanzate dai messi di Cristiano di Magonza (1174) e il quadro con l’eroina Stamira, o Stamura, che incendia la torre mobile nemica. La Pinacoteca comprende la piccola Galleria d’Arte Moderna.
Condividi "Musei di Ancona" su facebook o altri social media!