Login / Registrazione
Venerdì 30 Settembre 2016, San Girolamo
follow us! @travelitalia

Palatium Vetus

Alessandria / Italia
Vota Palatium Vetus!
attualmente: 09.67/10 su 6 voti
Il "Palatium Vetus" prospetta su Piazza della Libertà. Destinato a diventare centro della vita politica, amministrativa e giudiziaria del comune medioevale, il Palazzo fu costruito intorno al 1170, al tempo della fondazione della città. L'edifico, articolato in due parti, comprendeva l'armeria (il cosiddetto Pavaglione) e qualche ufficio amministrativo; si prolungava su Via Migliara e con vari copri di fabbrica annessi e cortili interni, giungeva fino a Via dei Martiri. Qui avevano sede gli uffici del Podestà e del Capitano del Popolo e nei secoli XII-XIV gli organi giudiziari (Pretorio) e le carceri.
Dalla metà del Cinquecento l’edificio divenne sede dei Gover¬natori spagnoli della città: rimasto di proprietà del Comune, costituiva la sede del rappresentante del potere politico esterno, mentre le autorità comunali si riunivano nel “Palatium Novum” costruito sul lato meridionale della piazza, nel sito attualmente occupato dalla sede comunale. Come sede di rappresentanza, il “Palatium Vetus” ospitò spesso reali e personaggi importanti, come l’imperatore Carlo V. Con il passaggio di Alessandria ai Savoia, l’edificio conservò la destinazione di palazzo del governo, continuando a ospitare i Governatori inviati da Torino.
Dopo vari passaggi, il palazzo fu ceduto dal Comune allo Stato nel 1856 e destinato a usi militari: esso fu utilizzato come sede dei Comandi di Presidio (anche con il nome di “Caserma Maggi”) e poi come Distretto Mili¬tare locale. Le continue modificazioni, dovute alle diverse funzioni che si sono susseguite negli anni, hanno pesantemente segnato e ripetutamente modificato le linee dell’edificio: restano comunque molte, e importanti, tracce del passato. Ora di proprietà della Cassa di Risparmio di Alessandria, il Palatium Vetus attende una nuova destinazione.
Condividi "Palatium Vetus" su facebook o altri social media!