Login / Registrazione
Domenica 25 Settembre 2016, Sant'Aurelia
follow us! @travelitalia

Santuario di Demetra e Kore

Agrigento / Italia
Vota Santuario di Demetra e Kore!
attualmente: 06.00/10 su 3 voti
Demetra e Kore/Persefone, protettrici della fecondità della natura e dell'uomo, erano chiamate divinità ctonie, ossia divinità della terra. Il loro culto era tanto diffuso in tutta la Sicilia, che gli antichi autori definivano l'Isola "dono di nozze a Persefone da parte di Zeus" e la stessa Akràgas era detta "la terra di Persefone".
Nel settore occidentale della Collina dei Templi si estendeva un’immensa area sacra dedicata al culto delle due dee, suddivisa in tre terrazzi contigui che sovrastavano la Kolymbetra. Il complesso di edifici dei santuari di Demetra e Kore risale ai secoli VI-V a.C. ed era formato da due recinti sacri con altare interno, posti a nord dell’area, cui furono poi aggiunti altri altari e tre tempietti. Uno di questi santuari, il cosiddetto Tempio di Demetra è stato incorporato nella piccola chiesa medievale intitolata a San Biagio.
I resti archeologici e gli oggetti rinvenuti hanno permesso di ricostruire i diversi momenti del rituale religioso, celebrato soprattutto da donne e attestato dal VI sec. a.C. sino all’epoca ellenistica (IV-II sec. a.C.). I devoti che si recavano al santuario, probabilmente acquistavano gli ex-voto presso le botteghe dei ceramisti fuori le mura. Giunti nel terrazzo a est della porta V, iniziavano il percorso rituale con le offerte e la visita ai tempietti e alle sale di accoglienza e riunione del portico. Si continuava nell'attiguo terrazzo dove si trovavano diversi tempietti, recinti e altari per la celebrazione dei sacrifici di animali; questi si svolgevano tra canti e profumi d'incenso; dopo il sacrificio, la carne dell'animale veniva cucinata e mangiata sul posto. Nell'estremo terrazzo occidentale, occupato solo da poche strutture e da basamenti con statue dedicate alle dee, si concludeva l'itinerario cultuale con canti, danze e l'offerta di piccoli oggetti - vasi, lucerne o statuette in terracotta - entro buche scavate nel terreno e protette da pietre. Da quest'area proviene una testina in terracotta, del VII secolo a.C., che costituisce la testimonianza più antica del culto alle due divinità.
Condividi "Santuario di Demetra e Kore" su facebook o altri social media!